Corona-Virus. Qual’è la verità?

Si sapeva tutto sul corona-virus ma, non abbiamo fatto nulla!

Ci sono moltissimi documenti in rete, che parlano del corona-virus che denunciano da vari anni, il pericolo imminente di una pandemia mondiale, si parlava di un virus molto pericoloso, con transizione diretta da uomo a uomo e che poteva colpire la popolazione mondiale, che avrebbe causato milioni di morti nel mondo. Scarica qui sotto, il documento ufficiale che nel 2005 annunciava il corona-virus, proprio questo che oggi stiamo vivendo, il COVID19.


Il corona-virus era stato annunciato da vari scienziati nel mondo è avevano avvertito che in qualsiasi momento poteva svilupparsi i primi focolai in qualsiasi luogo del pianeta terra, annunciavano che il possibile virus si trasmetteva per via aerea e sarebbe stato molto contagioso, avevano informato che ci dovevamo preparare per una possibile pandemia nel mondo e denunciavano da tempo il mancato interesse da parte dei governi.

Purtroppo, come spesso accade, i vari governi non hanno danno ascolto agli scienziati ed hanno ignorano del tutto agli scienziati, che con il loro lavoro riescono a fare dei calcoli e presumere una eventuale minaccia per l’umanità, ma la loro voce non viene mai ascoltata bensì viene percepita come un allarmismo senza fondamento.






Come ci vuole dimostrare, non siamo pronti ad affrontare una emergenza sanitaria come il corona-virus, abbiamo visto come ci siamo piegati di fronte alla pandemia, i paesi più sviluppati e potenti al mondo, altri paesi meno sviluppati economicamente hanno visto la morte sulle strade. La cosa che più ci fa riflettere è che anche se abbiamo sviluppato un sistema di comunicazione come internet, dove possiamo avere informazioni, immagini e video di cronaca da qualsiasi angolo della terra in tempo reale, praticamente ogni paese si e fatto trovare impreparato, assumendo le misure di prevenzione in ritardo. Purtroppo, però possiamo dire che questo sistema di comunicazione non è uguale per tutti gli stati del mondo, infatti ci sono molti paesi dove non esiste una educazione adeguata, dove i sistemi d’informazione sono manipolate ed inesistenti e che ancora oggi in mezzo alla pandemia non conoscono realmente cosa stia accadendo.

Il corona-virus è stato creato in laboratorio?

Sono moltissime le ipotesi sulla creazione del virus in laboratorio con finalità economica, una di queste ipotesi è che sia stato realizzato per frenare lo sviluppo economico della Cina, perché ormai questo paese risulta una minaccia per alcuni potenti del mondo con una crescita costante, superando l’ Unione Europea e gli Stati Uniti d’America. Poi si parla di due versioni contraddittorie sulla tecnologia del 5G. Ricordiamo che questa tecnologia ancora non è molto chiara alla popolazione e creano moltissime preoccupazioni sugli effetti che possa avere sulla salute delle persone.   

La prima si parla che la Cina era pronta per lanciare la tecnologia del 5G e doveva essere fermata subito, perché questo rappresentava che la Cina sarebbe stata in grado di tenere la tecnologia dominante per controllare le comunicazioni a livello mondiale.






La seconda si parla di una strategia economica concordata tra i più potenti della terra per inserire proprio la tecnologia 5G, con la pandemia mondiale per Covid19 ogni stato dovrà adottare un sistema di prevenzione e monitoraggio individuale con un app, in grado di monitorare e controllare ogni individuo in qualsiasi luogo della terra, altri invece hanno parlato di un vaccino che si stava studiando in laboratorio da somministrare alla popolazione per creare l’immunità al virus, ma, che realmente si tratterebbe di una sostanza tecnologica in grado di segnalarsi e monitorarsi da remoto automaticamente in un server grazie alla tecnologia 5G, in grado a fornire una serie di informazioni come la geo-localizzazione individuale, abitudini ecc.

Corona-virus, studiato per reimpostare la economia mondiale?

Esiste un’altra ipotesi che parla di un sistema di globalizzazione sfrenata è questo rappresentava una minaccia per i più potenti del mondo, perché con la libera commercializzazione i più disagiati erano proprio i più potenti che rischiavano di perdere il monopolio del mercato internazionale, allora si doveva trovare una soluzione che fosse in grado a fermare questo mercato senza frontiere, una soluzione che fosse in grado di indebolire economicamente i vari stati in fase di sviluppo e così rinforzare gli stati più potenti, in poche parole si sa che il pesce grande si mangia sempre il pesce più piccolo.


Sono molti gli stati che hanno dovuto fermare tutte le attività economiche e sviluppo del paese, investire il proprio tesoretto di stato per affrontare una situazione sanitaria non prevista, chiedere aiuto al mercato internazionale, acquistare prodotti di prima necessità e  chiedere prestiti economici molto importanti con pagamenti a lungo termine creando così una condizione di minoranza nel mercato internazionale con debiti ad altissimi tassi d’interessi difficilmente restituibili.

Corona-virus, il nuovo stile di vita nel secolo XXI

Sicuramente una cosa è certa! Con l’arrivo del corona-virus il nostro stile di vita cambierà per sempre, uno dei primi cambiamenti lo vedremo proprio con le grandi aziende internazionali, prima del corona-virus presumevano del proprio patrimonio economico e per farsi notare della clientela adottavano la strategia di acquistare grossi immobili e concentrare in un polo unico tutti i dipendenti per svolgere il proprio lavoro, ora dopo la esperienza del corona-virus il sistema più utilizzato sarà quello dello smart working,

Smart Working vantaggi; risparmio di tempo e maggiore produttività per il lavoratore, meno investimenti per le aziende in immobili, assicurazioni ecc. minore impatto ecologico per l’ambiente infatti ci sposteremo di meno per dover andare al lavoro. Questo comporta un cambiamento anche per grosse e piccoli aziende che dovranno abbassare il prezzo di locazione al metro quadro avendo diminuito la domanda sul mercato.

Sempre di più avremo una interfaccia diretta con la tecnologia come modalità di acquisto, si faranno più acquisti online, saranno inseriti gli studi a distanza, saremo più interattivi con le piattaforme d’informazione e multimediali, ci sposteremo di meno, daremo più valore al turismo nazionale e realizzeremo nuove strategie di sviluppo commerciale.

 Corona-virus, una occasione per salvare la terra.

Con la terribile esperienza che ci ha toccato vivere con la COVID19, speriamo che ci porti a riflettere e che ci permetta di cambiare le nostre abitudini di vita per salvare il nostro pianeta terra, abbiamo visto che con pochissimi giorni di distanziamento sociale, siamo riusciti a migliorare un po’ il delicato equilibrio ambientale, abbiamo visto un rapido sviluppo della flora e la fauna, un miglioramento notevole dei nostri fiumi e mare, un miglioramento della qualità dell’aria.






Corona virus, la verità?

Il messaggio più importante che ci ha trasmesso il corona-virus oltre a meditare è proprio quello del valore alla vita, il valore alla famiglia, l’importanza alla educazione ed alla sanità e che pur qualsiasi stato economico non ti rende immune alle malattie.

di Manuel Toledo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *